iscriviti alla newsletter dell'Autorità portuale di Genova l'Autorità portuale di Genova su Youtube l'Autorità portuale di Genova su Facebook Twitter @portodigenova Instagram portodigenova

Menu

Il porto in Europa

Nella passata programmazione finanziaria europea 2007-2013, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale – scalo di Genova è stata impegnata in iniziative che hanno mobilizzato risorse per oltre 15 milioni di euro nel sistema marittimo portuale genovese nel suo complesso, con particolare riguardo alle attività volte allo sviluppo delle infrastrutture, dei servizi e della ricerca e sviluppo applicati al settore portuale e marittimo.

In tale contesto, il consolidamento del ruolo del porto di Genova nella rete prioritaria di trasporto transeuropeo e lungo il Corridoio Genova – Rotterdam hanno rappresentato i principali fili conduttori del lavoro progettuale avviato e concluso.
L’attuale programmazione finanziaria europea 2014 – 2020, articolata nei programmi e nelle politiche di intervento dell’Unione (CEF, Orizzonte 2020, FESR), offre nuove opportunità di co-finanziamento che consentono di proseguire il percorso già intrapreso con successo dall'Ente.

Nello specifico, le azioni e gli investimenti programmati si focalizzano sullo sviluppo del porto di Genova, come gateway intermodale sul Mediterraneo del Core Network TEN-T e, in particolare, come già accennato, del Corridoio Reno - Alpino (ridenominazione del Corridoio Genova – Rotterdam).

A tali attività si aggiungono le azioni volte a mitigare l’impatto ambientale delle operazioni portuali, che sono considerate prioritarie nella nuova programmazione comunitaria. Tra queste, l’Autorità portuale ha individuato, quali prime linee di intervento, l’elettrificazione delle banchine, con alcuni interventi in fase di implementazione o di prossimo avvio, nonché un’azione pilota riguardante l'utilizzo di GNL in ambito portuale.

Il supporto finanziario concesso da parte dell’Unione Europea alle iniziative progettuali dell’Ente è il risultato della positiva programmazione, pianificazione e condivisione tra le diverse istituzioni territoriali e della sinergia di fondi statali, regionali e propri di Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale.

Ciò ad ulteriore conferma e riconoscimento del valore strategico, nell'ambito delle politiche europee, nazionali e locali, delle scelte di crescita operate dal porto di Genova e volte, in particolare, allo sviluppo dell’economia del mare e della logistica, dell'intermodalità e della sostenibilità ambientale.

All'attività più strettamente progettuale si accompagna l’analisi dei principali documenti europei di politica portuale e trasportistica, anche ai fini di contribuire alle attività propedeutiche alla pianificazione e programmazione portuale, nonché le azioni di lobbying nei confronti dell’Unione Europea attraverso la partecipazione agli organismi di rappresentanza degli interessi nazionali ed europei presso la Commissione, quali in particolare il Forum sul Corridoio Reno – Alpino, a supporto del Coordinatore (ai sensi del Regolamento UE 1315/2013), ed il Gruppo Consultivo Terminal in seno alle attività del Gruppo Europeo di Interesse Economico “Corridor Rotterdam – Genoa”, istituito ai sensi del Regolamento UE 913/2010 relativo alla rete ferroviaria europea per il trasporto merci.

Nelle sezioni che seguono sono presentati i progetti cofinanziati dall'Unione Europea a cui , l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale – scalo di Genova attualmente partecipa e una sintesi dei progetti conclusi.

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.