iscriviti alla newsletter dell'Autorità portuale di Genova l'Autorità portuale di Genova su Youtube l'Autorità portuale di Genova su Facebook Twitter @portodigenova Instagram portodigenova

Menu

La storia

Lo sviluppo economico di Genova nell'antichità è legato indissolubilmente all'approdo navale, dal quale ha avuto origine il nucleo abitato sorto sulla collina di Castello intorno al VI secolo a.c. ad opera di popolazioni provenienti dal mare, differenti per cultura e modi di vita dalle tribù liguri residenti nell'entroterra montano.

Il porto allora altro non era che una semplice insenatura a ridosso del promontorio del Molo Vecchio e tale rimase forse fino al Medioevo.

Con il risveglio dei commerci dopo l'anno Mille, i traffici navali riacquistarono importanza e sorsero i primi pontili in legname, monopolio delle più facoltose famiglie mercantili (Spinola, Grimaldi, Calci, Cattaneo e altre) importatrici di vari tipi di merce, tra cui spezie, sete e preziosi provenienti dal mondo islamico.

La Ripa, l'attuale Sottoripa, affacciata direttamente sul mare, fu per tutto il basso medioevo il centro degli affari: c'era chi contrattava gli acquisti, chi lavorava e sbarcava carichi dalle navi attraccate a pochi metri dalle case.

Porto e città erano dunque saldamente unite attraverso una sottile striscia di terra porticata, il mercato, dove la vita pulsava alacremente con un colore non molto diverso da quello che troviamo tuttora nelle casbah orientali.

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.